Wallet Trezor, la sicurezza prima di tutto | Trading on Mars

Wallet Trezor, la sicurezza prima di tutto

wallet trezor

Indice dell'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su reddit

Cosa è il Wallet Trezor

Un Waller Trezor è un portafoglio hardware, ed è uno dei più consolidati e vecchi del mercato attualmente a disposizione.
In questo articolo tratteremo di tutto ciò che riguarda il Wallet Trezor, perché è fondamentale averlo e cosa dovete fare per acquistarlo e configurarlo correttamente.

La storia di Trezor parla chiaro, ha superato mille difficoltà ed è arrivato ai giorni nostri super testato da una comunità fatta principalmente da esperti informatici, di sicurezza e di criptovalute, ed è per questo che è considerato il pioniere del settore e sicuramente il più famoso, ma sopratutto a prova di hacking!

Il dispositivo è piuttosto piccolo e può essere comodamente attaccato ad un portachiavi o messo in tasca, anche se noi consigliamo di tenerlo in un posto sicuro, alla pari della chiave seed con cui verrà configurato.

Il Wallet Trezor è sicuro?

Un portafoglio hardware è per concetto decisamente più sicuro di un qualsiasi wallet online ed oltre alla solita passphrase come misura di sicurezza ulteriore necessita di utilizzare obbligatoriamente un codice PIN ogni volta che si esegue una transazione, e questo fa del Wallet Trezor un fortino praticamente inespugnabile.

"Il wallet Trezor è un portafoglio hardware decisamente più sicuro di un qualsiasi wallet online e necessita dell'inserimento di un codice PIN ogni volta che si esegue una transazione"

Quindi, legando ad esempio il proprio wallet Metamask ad un Trezor si potrà operare online sulle DeFi, e non solo, con la sicurezza di un portafoglio fisico al proprio fianco.

Perché la sicurezza viene prima di tutto

Uno dei primi e più comuni errori di chi si avvicina al mondo delle criptovalute è quello di non dedicare alla sicurezza il giusto peso. Ci si rende conto di aver fatto questo grave errore solo quando ormai è tardi ed i danni sono irreparabili.

La spesa davvero minima e la facilità di configurazione di un Wallet Trezor rendono questo piccolo investimento altamente ripagato da una sicurezza al top per transazioni di qualsiasi livello.

Come e dove comprare il Wallet Trezor

Questo prodotto è acquistabile su diverse piattaforme e store online ma noi consigliamo vivamente di prenderlo direttamente dalla casa madre, principalmente per una questione di sicurezza ma anche per il costo contenuto, sicuri che nessun rivenditore possa mettere sul prezzo un ricarico extra.

Puoi collegarti al sito originale per acquistarlo cliccando qui.

Come configurare il Wallet Trezor

La prima cosa da fare dopo aver aperto la confezione è assicurati che il sigillo di sicurezza sulla scatola non sia stato manomesso.
In questo caso contatta l’assistenza Trezor per operare una sostituzione.
La configurazione e l’impostazione del tuo wallet Trezor per la prima volta sarà piuttosto semplice. L’intero processo richiederà circa 10-15 minuti.

  • collega Trezor al tuo computer

Collega il portafoglio Trezor al tuo computer utilizzando il cavo USB in dotazione. Sullo schermo del tuo portafoglio Trezor, dovresti quindi vedere un’icona a forma di lucchetto e un’istruzione che ti chiede di andare su https://suite.trezor.io/start/

Scopri come funzionano il PIN Trezor e la seed phrase di ripristino. Quindi, scegli se vuoi iscriverti o meno alla loro newsletter e continua con la configurazione del tuo dispositivo.

  • installazione del wallet Trezor

Affinché il tuo dispositivo Trezor possa comunicare con il tuo portafoglio Trezor devi installare l’estensione Trezor Chrome o il Trezor Bridge specifico per il tuo sistema operativo.

  • installare il firmware più recente

Il firmware è il software di gestione che sta dentro il dispositivo e che per motivi di sicurezza, al momento della spedizione non risulta installato. Per installarlo segui le istruzioni a video facendo click su “Sì, installa” per avviare l’installazione del firmware per la prima volta.
Confronta le impronte digitali del firmware (firmware fingerprints) che appariranno sul tuo browser con quelle sul display del Trezor, assicurandoti che corrispondano e poi fai click su “continua”.

  • ricollegare Trezor

Scollega il dispositivo, ricollegalo e poi vai su https://wallet.trezor.io/. Dai un nome al tuo portafoglio Trezor.

  • impostazione del PIN

All’inizio la configurazione del PIN può sembrare un po’ complessa, ma una volta appreso il meccanismo, è davvero facile.
Vedrai una griglia 3×3 (con puntini) sul tuo browser. E vedrai una griglia 3×3 (con numeri) sul tuo Trezor.
Ora, supponiamo che tu voglia che il tuo PIN sia, diciamo 6789. Farai riferimento alla posizione esatta di questi numeri nel tuo Trezor e li cliccherai in sequenza nel tuo browser. Dovrai farlo due volte per confermare il tuo PIN.

  • annota la seed phrase (frase di recupero)

Non ci stancheremo mai di dirlo, per non rischiare di essere in futuro uno di quei possessori di wallet ormai irrecuperabili e che magari contengono una fortuna, ricorda sempre di annotare la tua seed phrase. Il tuo portafoglio Trezor mostrerà una combinazione unica di 24 parole. Ciò ti consentirà di recuperare i tuoi account in caso di smarrimento del dispositivo o di nuova installazione.
Annotale, tutte e 24 le parole, nella scheda seed phrase fornita, parola per parola. Verificalo di nuovo e fai clic su “fine” sul tuo Trezor.
E ricorda, assicurati di non perdere mai la tua frase di recupero.

Da questo momento puoi inserire il tuo PIN per accedere al Wallet Trezor, dal tuo browser inserisci il PIN per accedere al tuo portafoglio per la prima volta.

Restiamo in contatto

Non perderti
la NEWSLETTER

TOM Trading on Mars

ISCRIVITI ORA

cosmos atom

Cosmos ATOM, l’internet delle blockchain

Cosa è Algorand

Cosa è Algorand

Brian Armstron

Brian Armstrong e Coinbase

Chris Larsen

Chris Larsen, chi è il fondatore di Ripple

Chi è Charles Hoskinson

Chi è Charles Hoskinson

dallas mavericks e criptovalute

Dallas Mavericks e criptovalute, il matrimonio continua